Di domotica, ormai, si sente parlare molto. Non tutti però sanno cos’è e a cosa serve. Se vuoi documentarti in merito, seguici nella guida che abbiamo creato, con l’obiettivo di farti conoscere informazioni molto importanti per vivere al meglio i tuoi spazi abitativi.

Cos’è la domotica?

Iniziamo dalle basi, analizzando l’etimologia della parola. Domotica è un termine che deriva dall’unione tra domus, la parola latina per indicare la casa, e ticos. Questo suffisso è fondamentale in quanto indica una scienza applicativa. La domotica, infatti, è una disciplina che studia le applicazioni della tecnica e della tecnologia, con l’obiettivo di proporre soluzioni in grado di migliorare la vita quotidiana di chi abita una casa o vive uno spazio per motivi di lavoro.

Le applicazioni della domotica possono portare dei grandi vantaggi. Negli ultimi anni, per esempio, hanno facilitato notevolmente la vita di chi ha una disabilità pesante o media. Da non trascurare, inoltre, è il loro ruolo nelle indicazioni relative al contenimento dei consumi.

La domotica, intesa come vero e proprio sistema, consente inoltre di concretizzare una gestione coordinata di tutte le funzioni dell’ambiente domestico. Vediamo un attimo le differenze tra un impianto tradizionale e uno domotico. Nel primo, le funzioni vengono attivate solo e soltanto in seguito alla pressione di un interruttore o di un regolatore.

I suddetti dispositivi non sono in grado di interagire tra loro. Ecco perché non possono essere gestiti da un unico punto di supervisione.

Come la domotica ha cambiato le nostre vite

Negli ultimi anni, la domotica ha cambiato la nostra vita soprattutto a livello domestico. Al giorno d’oggi, infatti, si parla sempre di più di “casa intelligente”. Grazie agli impianti domotici, è cambiata radicalmente l’accensione della luce, ma anche tutto quello che concerne la gestione di porte e tapparelle.

Un capitolo a parte riguarda i sistemi di sicurezza, che dialogano ormai tra loro e garantiscono un ottimo livello di controllo, impensabile fino a qualche anno fa quando era necessario installare costosi antifurti. Questa sinergia, come già ricordato, è virtuosa.

Installare un impianto domotico in casa permette sia di implementare il comfort dell’abitazione, sia di concretizzare un importante risparmio energetico. Il Perone Building Group, esperto di ristrutturazioni a Milano, è sempre attento ad innovazione e tematiche di questo genere.

Cosa sapere sapere sulla building automation

Gli impianti domotici rappresentano una soluzione molto valida non solo in ambito domestico. Da ricordare, infatti, è il loro ruolo anche nell’ambito del terziario. A occuparsi della building automation è la figura del facility manager, che, nello specifico, gestisce i sistemi di

  • Illuminazione
  • Riscaldamento
  • anti incidendio

Nel novero dei suoi compiti, compare anche la gestione e la centralizzazione dei sistemi di controllo delle presenze all’interno di uno specifico edifico e di anti intrusione.

ristrutturazioni chiavi in mano domotizzate ristrutturazioni domotica milano

In questi casi, svolge un ruolo chiave l’automazione. Attraverso di essa, gli eventuali impianti tradizionali presenti all’interno di un edificio dialogano tra loro, concretizzando un miglioramento delle performance del sistema generale.

Da approfondire, per questo motivo, sono le caratteristiche del sistema di controllo. Fondamentale è ricordare che è autmatizzato e che, nella maggior parte dei casi, è caratterizzato dalla presenza di dispositivi elettronici che hanno lo scopo preciso di monitorare i vari sistemi che supportano le funzioni delle varie parti dell’edificio e, ovviamente, la sua sicurezza e integrità.

I suddetti sistemi, interagiscono tra loro grazie a un protocollo di comunicazione che, di suo, è progettato per favorire il risparmio energetico e per permettere una generale riduzione dei costi. Gli edifici del settore terziario in cui troviamo in primo piano un sistema di building automation sono detti “edifici intelligenti”. Per fare un esempio specifico relativo alle loro performance, possiamo ricordare il caso, comunissimo, dell’accensione automatica delle luci nelle situazioni in cui viene rilevata la presenza di persone in una stanza di un capannone o di un edificio retail.

Se il sistema non rileva movimenti nel giro di un determinato lasso di tempo – in generale corrisponde a 15/20 minuti – le luci si spengono.

Considerazioni sulla domotica

Non c’è che dire: la domotica ha cambiato e continua a cambiare le nostre vite, permettendoci di adeguare gli spazi abitativi alle nostre esigenze, di lavorare meglio e di rendere realtà un’esistenza serena in generale, in armonia con l’ambiente e caratterizzata da totale sicurezza.

La domotica è alla portata di tutti. Le caratteristiche dei sistemi di questo tipo, infatti, vedono in primo piano il fatto che i meccanismi possano essere gestiti anche da non professionisti, questo grazie a interfacce user friendly e a processi rapidi e semplici.

Concludiamo ricordando che i sistemi devono essere affidabili, e che è necessario che funzionino senza particolari attenzioni da parte dell’utente finale che, in caso di guasto, deve essere in grado di segnalare tempestivamente le anomalie.

 

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!