Il gres porcellanato effetto legno può essere la scelta di elezione se si è alla ricerca di un perfetto connubio tra moderno e classico, tra innovativo e tradizionale, ed è spesso considerato come alternativa al parquet. Esso unisce infatti le caratteristiche estetiche dei listelli in legno (segni, graffi, nodi, colorazioni calde) ai vantaggi tecnici, di resistenza, di consistenza, dei materiali ceramici.
Il gres porcellanato effetto legno, inoltre, si abbina con facilità a qualunque scelta di arredamento, dando quelle sensazioni di calore e di eleganza tipiche di un parquet, ma ad un costo decisamente più economico.

Il gres porcellanato effetto legno: caratteristiche tecniche

Il gres porcellanato effetto legno è una piastrella molto compatta, dura, non porosa, ottenuta mediante una cottura al forno di circa 1200°C. Questa lavorazione produce una piastrella con un tasso di assorbimento d’acqua molto basso, più resistente ai raggi Uv, agli agenti chimici, ai graffi, alle abrasioni e alle lesioni. Ciò rende il gres porcellanato il prodotto principale per i pavimenti, sia interni che esterni.
Durante la lavorazione, e a seconda dell’effetto che si vuole ottenere, il gres può essere sottoposto ad altri trattamenti e rifiniture, che possono fornire un prodotto più “naturale” (marmorizzato) o più “tecnologico” (smaltatura, lucidatura, ecc.). E’ però importante sapere che più il gres porcellanato viene lavorato, e più rischia di perdere alcune delle sue peculiari caratteristiche. Un esempio: per smaltare il gres porcellanato effetto legno, viene prima livellata la superficie, rimuovendo del materiale, e questo può aumentare la porosità del gres, incidendo negativamente sul tasso di assorbimento d’acqua. E’ importante quindi premurarsi di scegliere un’impresa di grande esperienza, che sappia come intervenire al meglio sulle scelte del committente. Nel caso specifico, alla posa in opera di un gres porcellanato effetto legno smaltato va aggiunto un trattamento impermeabilizzante, se non si vuole un pavimento più sensibile alle macchie e agli agenti chimici.

Scelta dei pavimenti in gres porcellanato effetto legno

Il gres porcellanato opportunamente lavorato può somigliare perfettamente a qualunque rivestimento “naturale” (pietra, marmo, ecc.), e nella fattispecie, il gres porcellanato effetto legno può somigliare a qualunque parquet, a qualunque tipo di legno da rivestimento esista al mondo. Ciò lo rende, come detto, perfettamente adattabile a qualunque arredamento, dal moderno (gres porcellanato grigio o nero) al classico (rovere, ebano), al country, al provenzale (bianco, beige, ciliegio…).

La sua alta resistenza agli agenti chimici e all’acqua lo rende perfetto per la cucina e per il bagno all’interno, per il giardino e il bordo piscina all’esterno. Per il bagno, in particolare, il gres porcellanato è un pavimento dal sicuro effetto, specie se si ha cura di seguire le ultime tendenze in fatto di rivestimenti. Si consiglia, infatti, di utilizzare lo stesso rivestimento del pavimento anche come muro di rivestimento e piatto della doccia, magari chiusa da una cabina interamente in vetro.

I listelli del gres porcellanato effetto legno possono essere posti in opera in vario modo, a seconda della fantasia e del tipo di arredamento scelto. Essendo il gres prodotto con listelli di varie dimensioni, si può scegliere una posa in opera ordinata, ad incastro, geometricamente variabile con listelli di varie dimensioni incastrati tra loro. Si possono scegliere anche varie colorazioni, soprattutto per arredamenti più “etnici”, in modo da realizzare disegni ad esso complementari anche sul pavimento.

Il gres porcellanato effetto legno: svantaggi

L’unico vero svantaggio di un pavimento in gres porcellanato effetto legno è che esso è un’imitazione tecnologica del legno, e non ne ha quindi le caratteristiche principali, soprattutto termiche ed acustiche, di cui abbiamo già parlato a proposito della scelta del parquet nelle ristrutturazioni di interni. Un parquet, soprattutto se di qualità, contribuisce molto al risparmio energetico di un’abitazione, sia in inverno che in estate, cosa che il gres non garantisce. Questo è un ulteriore aspetto da considerare per la scelta del pavimento, perché se è vero che si risparmia sull’acquisto (il costo varia tra i 35 ed i 50 euro al metro quadro, a seconda della qualità, del design, della marca, del tipo e della dimensione dei listelli), il mancato risparmio energetico può diventare sensibile a lungo termine. Un’impresa seria e d’esperienza, con alle spalle validi architetti e con un Project Manager capace di coordinare al meglio tutte le fasi di lavorazione, saprà senza dubbio alcuno consigliare la scelta migliore!

Hai bisogno di un preventivo gratuito per ristrutturare la tua casa, negozio o ufficio?
Contattaci compilando il modulo, ti contatteremo al più presto!

Il Tuo Preventivo

  1. (richiesto)
  2. (richiesto)
  3. Rifacimento impianti:
  4. (richiesto)
  5. (richiesto)
  6. (è richiesto un indirizzo email valido)
 

Vieni a conoscere il nostro servizio "Renovation House"

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!