Ristrutturazione ufficio a Milano

L’idea di ristrutturare un ufficio nasce, spesso, dall’esigenza di riorganizzare gli spazi con il fine di rinnovare la propria immagine aziendale. Ottimizzare gli aspetti tecnico-funzionali e rendere l’ambiente lavorativo più gradevole può anche aumentare la produttività. Dal colore delle pareti alla disposizione degli elementi d’arredo, i vari elementi è importante che concorrano armoniosamente a donare positività e benessere all’ambiente. Viene così stimolata la creatività, favorendo la concentrazione. Ristrutturare l’ufficio è, in un certo senso, un investimento sul benessere dei dipendenti e sull’azienda.

L’esigenza di ristrutturare un ufficio può anche essere dettata da sopraggiunte necessità di adeguamento normativo e di sicurezza.

ristrutturare ufficio consigli quanto costa Perché scegliere la formula chiavi in mano

La ristrutturazione completa di un ufficio richiede esperienza, tecnica ed abilità nell’utilizzo di materiali ed attrezzi del mestiere. Si tratta di un’operazione delicata

e complessa, che non può essere gestita con superficialità. Nulla può essere lasciato al caso. Pertanto, è fondamentale affidarsi ad imprese che riuniscano al loroninterno professionisti preparati e maestranze esperte; anche perché, è risaputo, il tempo è denaro e la ristrutturazione di un ufficio va portata a termine il più velocemente possibile.

 

Rispetto a quella residenziale, infatti, la ristrutturazione uffici richiede una più attenta coordinazione delle maestranze, un’organizzazione più precisa dei vari interventi. Anche le tempistiche sono nettamente più serrate. Ciò è vero a maggior ragione se si opera in strutture che non possono interrompere l’attività lavorativa durante i lavori.

Affidandovi a ditte specializzate in ristrutturazione di uffici chiavi in mano, come il Perone Building Group con sede a Milano, verrete seguiti in ogni fase dei lavori, dalla progettazione dei nuovi spazi alla scelta dei materiali; dalla presentazione delle pratiche amministrative, fino al rilascio della dichiarazione di conformità degli impianti a fine lavori. Avrete inoltre la garanzia di un lavoro svolto a regola d’arte ed una programmazione puntuale e trasparente.

 

Due consigli per l’ufficio ideale

Considerare lo svago

Oggi negli uffici si trovano sempre più spesso aree relax con piccolo angolo bar e distributore di bevande calde e fredde. Sono messe a punto per consentire ai dipendenti di staccare la spina e rigenerarsi, anche a livello mentale, al riparo da telefoni che squillano e dal caos del resto dell’ufficio. Secondo ricerche svolte in casa Microsoft, si tratta dell’area dell’ufficio in cui nascono le idee più creative.

Spazio permettendo, in un’area di svago possono essere posizionati divanetti e poltrone, una libreria con portariviste, un televisore, un tavolo da ping pong, un biliardino o una consolle di gioco. Anche in questo caso l’idea può sembrare bizzarra, ma grandissime aziende vi stanno investendo. Tra queste, la prima promoter degli spazi di questo genere è addirittura Google.

L’area ristoro

Per permettere ai dipendenti di consumare pasti veloci, qualora non sia disponibile un’apposita mensa nella struttura, è consigliabile adibire un locale apposito ad area ristoro, in cui collocare:

  • un ampio frigorifero in cui si possano riporre frutta, bevande, yogurt ed i pranzi portati da casa;
  • un forno a microonde;
  • un bollitore;
  • un tavolo con sedie o sgabelli, per consumare snack veloci;
  • possibilmente, un lavabo.

È fondamentale che nell’ambiente di lavoro sia disponibile almeno un servizio igienico attrezzato in modo da poter essere agevolmente utilizzato anche da persone con disabilità motorie, e che l’ufficio sia dotato di uscite di emergenza che abbiano un’altezza minima di 2 metri ed un’ampiezza conforme alla normativa vigente in materia di sicurezza antincendio.

Sala riunioni: piccoli accorgimenti che fanno la differenza

In un ufficio, è importante predisporre una piccola sala colloqui ed almeno una sala riunioni con microfoni ed impianto audio.

Cornice delle decisioni più importanti, la sala riunioni è l’epicentro di ogni ufficio. Qui clienti, partner, collaboratori e fornitori si confrontano, scambiano opinioni e trovano soluzioni. Per creare un ambiente quanto più confortevole e funzionale, il consiglio è quello di orientare su nuance luminose la scelta dei colori. Si tratta di un consiglio valido per gli elementi d’arredo, le pareti e le pavimentazioni.

ristrutturare ufficio milano

La sala riunioni è il cuore di un ufficio. Le ristrutturazioni di questi spazi vanno affidate a project manager con esperienza!

Proprio gli arredi giocano poi un ruolo fondamentale. È indispensabile dotare la sala riunioni di un tavolo adeguatamente ampio, di forma rettangolare, ovale o rotonda. Si devono predisporre un numero adatto di sedute e le necessarie soluzioni tecnologiche per i telecollegamenti. Per ogni partecipante, vanno calcolati almeno 0,5 mq di spazio. Inoltre assicuratevi di poter posizionare le sedute ad almeno una ventina di centimetri di distanza l’una dall’altra.

In un angolo della sala si consiglia di collocare un elegante divanetto abbinato, possibilmente, ad un tavolino. È utile anche aggiungere qualche pianta in vaso per ravvivare l’ambiente. Inoltre, va tenuto presente che, se il soffitto basso è basso, la temperatura nel locale tende inevitabilmente a salire. È consigliabile ovviare a questo sgradevole inconveniente con l’installazione di un sistema di ricambio d’aria.

Sicurezza sul lavoro: il decreto legislativo 626/94

È indispensabile dotare l’ufficio di impianti di sicurezza per la salvaguardia del personale. Gli arredi devono obbligatoriamente essere conformi alle normative vigenti in materia di sicurezza sul lavoro e tutela del benessere dei lavoratori. Si consiglia, pertanto, di scegliere prodotti certificati ed in linea con le disposizioni di legge.

È il decreto legislativo 19 settembre 1994 n. 626 in cui sono specificatamente elencate le direttive in merito. La legge fornisce indicazioni in merito a come disporre gli elementi d’arredo ed i mezzi come stampanti, fax, scanner e fotocopiatrici. La normativa è studiata in modo da scongiurare il rischio di infortuni ed incidenti sul lavoro. È inoltre obbligatorio che gli impianti presenti nell’ambiente di lavoro siano a norma, per tutelare la sicurezza dei dipendenti. Si consiglia, infine, di installare un impianto antintrusione dotato di sistema di allarme e videosorveglianza.

 

Ristrutturazione ufficio: adempimenti burocratici

Nella ristrutturazione di un ufficio, sono molti i documenti che occorre presentare ai pubblici uffici; a partire dalla comunicazione di inizio lavori fino alla segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) e di eventuali modifiche in corso d’opera.

Con una ristrutturazione ufficio chiavi in mano, un tecnico si occuperà di ogni procedura burocratica, legale ed amministrativa, liberandovi di ogni incombenza e preoccupazione.

Detrazioni fiscali per la ristrutturazione di uffici

Oltre all’IVA agevolata, per la ristrutturazione di uffici è possibile usufruire di:

  • detrazione fiscale del 50% per le ristrutturazioni edilizie;
  • detrazione fiscale del 65% per gli interventi di adeguamento antisismico degli edifici ed efficientamento energetico, suddivisa in dieci rate annuali;
  • Bonus Mobili, che dà diritto alla detrazione del 50% su un importo massimo di 10000 Euro per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici nuovi, di classe non inferiore ad A+.

Per ottenere le detrazioni occorre necessariamente pagare l’impresa esecutrice con bonifico bancario, indicando espressamente nella causale i dati relativi all’azienda.

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!