Centro commerciale Adigeo, il primo totalmente green in Italia

Il progresso consumistico tipico della nostra società spesso e volentieri è in disaccordo con l’ecosistema che ci circonda, coi ritmi e le azioni dell’uomo che vanno a intaccare processi naturali costanti da millenni con l’abnorme edificazione urbana figlia dell’edilizia dell’ultimo secolo.

E a proposito di edifici, il centro commerciale è da sempre considerato uno dei simboli del consumismo contemporaneo, con migliaia di metri quadrati illuminati da luci al neon e arredati con scaffali ricolmi di generi di ogni tipo.

Ma se fosse proprio uno di questi non-luoghi, usando una definizione di Marc Augé, a coniugare le esigenze della civiltà con quelle dell’ambiente?

Certo, sarebbe quanto mai paradossale; eppure il centro commerciale Adigeo di Verona è il primo edificio di questo tipo ad aver ottenuto la prestigiosa certificazione di sostenibilità̀ Leed Platinum, la quale viene assegnata a tutti quei progetti edilizi che vogliono unire i principi di sostenibilità e risparmio di risorse con le contemporanee esigenze di sviluppo urbano.

Un’elevata attenzione al risparmio energetico

Il Green Building Council americano ha premiato il centro commerciale Adigeo con questo attestato in virtù di numerose motivazioni, a cominciare dall’elevato risparmio energetico su cui si è fondato il progetto: infatti l’edificio vanta il 20% di efficienza in più rispetto ai parametri stabiliti dalla legge italiana, divenendo un esempio di come l’implemento delle coibentazioni esterne ed interne, così come  l’utilizzo di sistemi di climatizzazione all’avanguardia possano al contempo ridurre le emissioni inquinanti e gli sprechi di risorse energetiche.

In tal senso la presenza di un cosiddetto tetto verde, ossia una copertura sulla quale sono state piantate varie specie vegetali, contribuisce da un lato a immettere in città una maggior quantità d’ossigeno, mentre dall’altro favorisce l’assorbimento di anidride carbonica – grazie al processo di fotosintesi – e migliora l’isolamento termico dell’intera struttura.

Per una mobilità urbana sostenibile

Altro punto a favore del centro commerciale Adigeo è la presenza di appositi parcheggi per biciclette, che unito all’ottimo collegamento con la rete urbana di trasporto pubblico simboleggiano un’elevata e costante attenzione da parte dei vertici amministrativi alla mobilità sostenibile, che riduce le emissioni di particolato e gas venefici in favore dell’impiego di mezzi di trasporto green, come appunto le bici o i bus a metano o elettrici.

Un impianto fotovoltaico che alimenta luci a LED

Per quanto riguarda invece l’illuminazione interna ed esterna, l’utilizzo della tecnologia LED permette di abbattere ulteriormente i consumi energetici e al contempo di illuminare a dovere ogni area del centro commerciale, per una maggior sicurezza degli utenti.

L’impianto luci è inoltre alimentato da un sistema fotovoltaico, il quale alimenta anche l’intero fabbisogno di energia elettrica della struttura: l’ennesima prova di come le energie rinnovabili possano essere il presente e il futuro dei nuovi criteri di costruzione edilizia.

centro commerciale

Riutilizzare le acque di caduta per irrigare le aiuole

Altra motivazione che è valsa a questo centro commerciale veneto la certificazione Leed Platinum è stata infine l’aver progettato e realizzato un sistema di riciclo delle acque superficiali, il quale va ad alimentare l’impianto di irrigazione esterno alla struttura, dove fanno bella mostra di sé una serie di aiuole con alberi piantumati.

Se finora abbiamo illustrato le ragioni per cui il centro Adigeo è stato insignito di questa certificazione, andiamo a conoscere nel dettaglio le caratteristiche di quest’ultima, andando a capire come si può ottenerla e da chi viene rilasciata.

 

Che cos’è la certificazione Leed Platinum?

La certificazione Leed è un attestato che viene riconosciuto a ogni edificio, indipendentemente dalla sua destinazione d’uso; l’importante è che esso sia stato progettato e costruito seguendo i criteri della moderna edilizia sostenibile, in cui il risparmio di acqua e di energia elettrica si uniscono alla riduzione dei gas inquinanti e degli sprechi di materiale da costruzione.

Il programma Leed è stato sviluppato dalla U.S. Green Building Council, il quale negli anni ha conosciuto un radicamento anche in altre nazioni, tra cui l’Italia, che dal 2010 ha cominciato ad avvicinarsi agli standard costruttivi promossi da quest’associazione.

Allo stato odierno l’attestato Leed viene applicato in 40 paesi del mondo e sta affermandosi sempre più come nuova frontiera degli standard edilizi da rispettare per una costruzione eco-compatibile ed eco-sostenibile.

Le certificazioni sono di quattro tipi, ognuna delle quali si ottiene in base a un punteggio specifico, assegnato dalla commissione GBC Italia dopo aver analizzato le caratteristiche di ogni edificio che aspira a tali attestati:

 

  • Leed Base, che si ottiene con un risultato compreso tra 40 e 49 punti

 

  • Leed Argento, che abbraccia la fascia di punteggio 50-59

 

  • Leed Oro, che viene assegnata con una votazione finale compresa tra 60 e 79 punti

 

  • Leed Platino, che si consegue dopo aver superato la soglia di 80 punti complessivi

 

È chiaro che nel panorama edilizio contemporaneo una certificazione Leed dà un valore aggiunto all’immobile che lo ottiene, il che si traduce anche in un prezzo di mercato superiore, in virtù degli elevati standard energetici e di sostenibilità ambientale raggiunti mediante la sua costruzione. Quanto costa ottenere una certificazione di questo tipo? Il costo per ottenere questi attestati è diverso a seconda del tipo di certificazione che si vuole ottenere, così come varia in base alla metratura complessiva dell’edificio.

Di norma però vi sono agevolazioni sul prezzo nel momento in cui sono coinvolti più immobili nel progetto di costruzione, così come a volte non è previsto il pagamento della quota di registrazione.

 

Come si inoltra la domanda di richiesta di una certificazione Leed?

Per richiedere la valutazione di un edificio e l’eventuale rilascio di una certificazione Leed occorre in primo luogo evidenziare per iscritto – solitamente attraverso una mappa dettagliata – le caratteristiche del progetto, facendo risaltare come queste siano in linea con gli standard previsti dal GBC.

Successivamente bisogna registrare il progetto edilizio presso il Green Building Certification Institute e compilare una domanda di adesione formale, allegando ad essa tutta la documentazione inerente alle fasi di progettazione e di costruzione dell’edificio.

A questo punto sarà il GBC stesso ad elaborare la richiesta, andando a lavori ultimati a valutare in prima persona se quanto scritto su carta è stato concretamente trasformato in una struttura eco-sostenibile.