Lana di vetro: cos'è, a cosa serve, vantaggi

Se sei qui, significa che vuoi sapere qualcosa di più sulla lana di vetro, un materiale molto utilizzato in edilizia come isolante termo-acustico. Curare questi aspetti è essenziale quando si ritruttura casa. Ecco perché abbiamo creato questa guida che approfondisce le sue proprietà e caratteristiche.

Cos’è la lana di vetro

Partiamo dalle basi, ricordando che la lana di vetro è un materiale che si produce fondendo una miscela di vetro e di sabbia. La temperatura di fusione è compresa tra i 1300 e i 1500°C. Dopo questo step, si procede con la conversione in fibre, che viene realizzata grazie a un legante.

Nella maggior parte dei casi, si tratta di resina termoindurente caratterizzata a sua volta dalla presenza di componenti organici e vegetali.

Il suo ruolo, come poco fa ricordato, è fondamentale per aumentare la coesione tra i vari materiali. La lavorazione della lana di vetro ovviamente non finisce qui.

Dopo il processo descritto nelle righe precedenti, si procede con una fase successiva, che prevede prima di tutto un riscaldamento a 200°C circa. Il passo seguente, invece, è la calandratura. Quando si nomina questo processo, si inquadra il passaggio del materiale in un macchinario noto con il nome di calandra.

 

lana di vetro proprietà conviene

Il suddetto è formato da due serie di rulli, che vengono posizionati a distanza predefinita. Ruotano a una determinata velocità, in modo da permettere alle fibre di lana di vetro di compattarsi e di aderire al legante.

Cosa succede dopo questo step? Che la lana di vetro viene tagliata e, successivamente, trasformata in feltro. A seconda dell’utilizzo previsto, dopo la lavorazione è possibile ottenere fibre morbide disponibili sotto forma di pannelli rigidi la cui densità varia a seconda dell’utilizzo necessario.

Come è chiaro da queste righe, la produzione della lana di vetro richiede molta energia. L’impatto, però, si può minimizzare utilizzando vetro riciclato.

La lana di vetro è tossica?

Capita spesso di avere a che fare con dei luoghi comuni riguardanti la lana di vetro. Uno di questi riguarda il suo livello di tossicità. Le dicerie in merito sono da sfatare in quanto la lana di vetro non è affatto tossica. Molti compiono l’errore di paragonarla all’amianto, uno dei materiali da costruzione più tossici che ci siano.

Questa falsa convinzione è legata al fatto che, in entrambi i casi, il materiale tende a sfibrarsi. Le fibre della lana di vetro, però, sono più grandi e non penetrano nelle cellule danneggiandole, cosa che invece fanno le fibre di amianto, che assomigliano a dei piccolissimi aghi.

Per fare un paragone, si può accostare la fibra di amianto a uno stuzzicadenti e quella di lana di vetro a un tronco. La differenza è a dir poco chiara!

A dare conferme in merito alla sicurezza della lana di vetro ci pensano anche diversi riferimenti normativi. Ecco quali sono i più importanti:

  • Normativa 1272 del 2008: a pagina 335 del cosiddetto Joce L353, si specifica che la fibra di vetro non è da considerarsi una sostanza cancerogena.
  • Codice CER (Codice Europeo dei Rifiuti): in questo caso si definisce la fibra di vetro “sostanza non pericolosa”

Applicazioni della lana di vetro in campo edilizio

Vediamo ora le applicazioni specifiche della lana di vetro in campo edilizio. Ricordiamo prima di tutto che parliamo di un materiale insostituibile soprattutto per le coibentazioni termiche e per i pannelli fonoassorbenti.

Per entrare ulteriormente nel dettaglio, ricordiamo che viene utilizzata spesso per coibentare esternamente canne fumarie e boiler. Questo materiale rappresenta un punto di riferimento molto importante anche quando si parla di coibentare caldaie e tubazioni.

La lana di vetro viene venduta in strisce di misure diverse. Un indubbio vantaggio pratico, riguarda la possibilità di avvolgerla facilmente sulle tubazioni.

Il suo utilizzo può essere ampliato anche al bricolage. Un esempio? La possibilità di utilizzare la lana di vetro anche per l’imbottitura dei cassonetti delle tapparelle. Degna di citazione è anche la possibilità di impiegarla per i pannelli isolanti dei termosifoni.

Dei vantaggi a lungo termine di questo materiale si parla anche quando si cita l’isolamento termoacustico dei solai. In questi casi, l’obiettivo principale è quello di attutire il rumore del calpestio. Da specificare, infine, è anche la possibilità di reperire pannelli in lana di vetro esteticamente gradevoli, caratterizzati da un design curato e particolarmente apprezzati da chi, per hobby o per professione, si dedica alla musica.

La personalizzazione è davvero una delle principali parole d’ordine. A dimostrarlo ci pensa anche la possibilità di reperire pannelli in lana di vetro di diverse forme e colori.