Feng Shui a Milano, l'arredamento cinese incontra la metropoli

Quando si parla di soluzioni per rinnovare l’arredamento della casa, capita spesso di chiamare in causa il Feng Shui. Sempre di tendenza, questa disciplina aiuta tantissimo a “mettere ordine” in tutti i sensi nel nostro universo quotidiano, spesso caratterizzato da situazioni di confusione che bloccano le energie e non ci consentono di sfruttare al massimo le nostre potenzialità. Partire dalla casa per risolvere questo problema è molto utile e, come vedremo tra poco, il Feng Shui permette di “trovare una quadra”. Sono diversi i committenti che, durante i lavori di ristrutturazione, ci chiedono informazioni in merito. I nostri esperti di interior design sono sempre pronti a rispondere. Non guasta, però, dare spazio anche ad altri suggerimenti. Questo è ciò che vogliamo fare con la guida che potrai leggere nelle prossime righe, un prontuario completo dedicato a chi, come te, dopo aver ristrutturato casa a Milano, pensa a come renderla più confortevole grazie al Feng Shui.

Feng Shui: come iniziare

Muovere i primi passi nel mondo del Feng Shui può essere molto affascinante. La prima cosa da ricordare al proposito è che, ogni volta che si nomina questa disciplina spirituale di origine cinese, si inquadra un universo che si basa sull’equilibrio. Il concetto in questione, deve essere messo in primo piano sia quando si parla delle distanze, sia quando si prende in esame la disposizione degli arredi. Chiaro è che, se c’è disordine, è molto difficile raggiungere risultati a tal proposito. Prima di iniziare il percorso nel mondo del Feng Shui, è quindi consigliabile prendere in considerazione le prestazioni professionali di un coach dell’ordine. Di chi si tratta? Di un professionista che, partendo da anche da zero, aiuta nella gestione ordinaria e straordinaria della casa, indi pure nelle operazioni di riordino. Grazie al coach, è quindi possibile “allenarsi” mentalmente a tenere sempre in ordine.

L’intervento del coach dell’ordine è utile come boost iniziale. Come già detto, permette di acquisire una nuova mentalità e di partire con il piede giusto. Una volta completato questo step, si può procedere con la messa in pratica di alcuni semplici consigli in tutte le stanze della casa.

feng shui milano

Il Feng Shui si può applicare anche a Milano, mixando magari i suoi dettami con il gusto europeo e moderno per l’arredamento

Feng Shui in camera da letto

Quando ristrutturiamo un appartamento, dedichiamo molta attenzione alla progettazione della camera da letto. Al giorno d’oggi, infatti, abbiamo la possibilità di prenderci cura della qualità del nostro riposo, con numerosi benefici su quella della vita in generale. Iniziare proprio dalla camera da letto a parlare di consigli Feng Shui è indicativo. Da come dormiamo, ribadiamo, dipende la nostra salute. I consigli per dare spazio a questo modo di disporre gli arredi in camera da letto devono partire da una domanda che, a nostro avviso, è molto importante porsi in quanto permette di capire meglio le caratteristiche degli ambienti che viviamo ogni giorno e che condividiamo con le persone care.
Partiamo quindi chiedendoci “cos’è la camera da letto?”. A questa domanda si potrebbero dare diverse risposte. La camera da letto è un’alcova, ma anche un luogo di protezione ancora più chiuso e delimitato rispetto a quel meraviglioso porto sicuro che, in generale, è la nostra casa.

Normalmente si trova in posizione defilata rispetto alle altre stanze dell’abitazione perché, quando dormiamo, l’udito è un senso in parte attivo e, per questo, abbiamo bisogno di tranquillità. In poche parole: quando riposiamo recuperiamo le forze e dobbiamo creare un ambiente che ci permetta di farlo al meglio. Per questo, quando si parla di Feng Shui, è il caso di ricordare, prima di entrare nel dettaglio dell’arredamento e della disposizione dei mobili, l’importanza della posizione della camera da letto rispetto alle altre stanze della casa.

Parliamo ora della posizione del letto, per vedere quanto conta per la qualità del riposo. Questo elemento d’arredo importantissimo dovrebbe essere posizionato con la testata verso oriente. Possibilmente, è meglio metterlo lontano dalla porta. In questo modo, secondo il Feng Shu, si evita che il sonno venga disturbato dalla sensazione di minaccia causata dall’ingresso vicino. Capita spesso, infatti, che chi dorme a poca distanza dalla porta della camera da letto, si senta minacciato anche se l’uscio è ermeticamente chiuso. Questo schema può essere evitato in alcuni casi in cui è impossibile posizionare il letto lontano dalla porta. Un esempio noto è quello del monolocale.

Quello che molti non sanno è che anche i colori hanno il loro ruolo nell’ambito delle regole Feng Shui. Cosa si può dire in merito alla camera da letto? Che, dal momento che parliamo di uno spazio deputato al relax più totale, è necessario evitare cromie troppo sgargianti. Ottimi sono invece colori come il giallo, il rosa, il beige e il color crema. Molto importante è anche la gestione della luce naturale. A tal proposito, è bene specificare che, secondo il Feng Shui, la sua influenza va agevolata in tutti i modi, facendo sì che passi grazie a finestre e tende. Soprattutto in camera da letto, è il caso di sceglierle leggere e realizzate con tessuti naturali.

feng shui milano camera da letto

La camera da letto è l’ambiente in cui si trascorre la notte, dunque per il feng shui è molto importante che, soprattutto qui, si tengano lontane le energie negative

Feng Shui in salotto

Vediamo ora qualcosa sul salotto. Prima di entrare nel vivo dei consigli di Feng Shui, parliamo un attimo delle peculiarità di questo ambiente. Il living è considerato a ragione un ambiente multifunzione, dove si vivono momenti di relax ma anche di studio e di lavoro. Le principali regole di Feng Shui per l’arredamento di questa parte della casa iniziano dalla porta d’ingresso, che non dovrebbe mai essere posta al centro. Nei casi in cui è presente questa peculiarità, è necessario frapporre tra la porta e il resto dell’ambiente un elemento d’arredo, per esempio il divano.

Per quanto riguarda il divano, nonostante quello che si sente spesso dire in giro, è bene ricordare una cosa: questo elemento non deve assolutamente essere posto di fronte alla porta d’ingresso. Può “osservarla” lateralmente, certo, ma è necessario frapporre qualche altro elemento d’arredo nel mezzo. Un altro consiglio importante riguarda la zona relax, che dovrebbe essere posizionata nell’area più protetta dell’intero ambiente living.

Ricavare una zona relax nell’ambiente living può non essere facilissimo. Le principali difficoltà si incontrano quando, nel locale, sono presenti numerose porte e finestre. Per ottimizzare la situazione, si può “giocare” con divani e poltrone, utilissimi per contestualizzare un’area dedicata ai momenti di riposo fisico e mentale.

Quando si arreda il salotto in ottica Feng Shui, è necessario prendere in esame anche i colori. Quali sono le cromie migliori per il living? In generale, questo ambiente della casa non dovrebbe mai essere caratterizzato da colori eccessivamente sgargianti. Se si ha intenzione di seguire le regole del Feng Shui, bisogna quindi abbandonare l’idea della parete scura come elemento di spicco dell’intero ambiente living.

feng shui

Feng Shui in cucina

Apriamo ora il capitolo del Feng Shui in cucina. Secondo gli estimatori di quest’arte nata in Cina più di 3000 anni fa, se si seguono certe regole nella disposizione degli arredi in cucina, è possibile migliorare il proprio benessere e, in generale, il rapporto con il cibo. Secondo il Feng Shui, la cucina è un luogo molto importante. Si tratta infatti dell’ambiente della casa dedicato al nutrimento e alla salute fisica e mentale di chi abita in un determinato appartamento. Per arredarla secondo le regole del Feng Shui è necessario partire… dalla disposizione degli elettrodomestici! Sì, hai letto bene. Seguire delle regole specifiche da questo punto di vista è importante, in quanto, in cucina, bisogna tenere conto dell’equilibrio tra i cinque elementi naturali, ossia terra, aria, acqua, fuoco e metallo.

Questo cosa implica quando si ristruttura il bagno? Il fatto, per esempio, di posizionare la lavastoviglie lontano dal forno. L’acqua del primo elettrodomestico, infatti, deve essere lontana il più possibile dal fuoco del secondo. Secondo il Feng Shui, un’eccessiva vicinanza tra fuoco e acqua può portare a uno spegnimento dell’energia del primo, legata a questioni finanziarie.

Un’altra curiosità della cucina arredata secondo le regole del Feng Shui riguarda i fornelli, che non dovrebbero mai trovarsi a nord ovest. Anche in questo caso, secondo l’antica arte cinese che prevede la ricerca del benessere tramite una giusta disposizione dei mobili e degli arredi, il rischio è quello di attirare problemi di natura economica. Un ulteriore consiglio da seguire consiste nell’utilizzare il microonde il meno possibile. Il motivo principale è legato alle energie poco positive che rilascia.

Anche nel caso della cucina, è il caso di dare qualche indicazione sul colore. Secondo il Feng Shui, la cromia migliore per questo ambiente della casa è legata al giallo in tutti i suoi toni. Il consiglio è di utilizzarlo sia per i mobili e gli elettrodomestici, sia per le pareti. Per completare la gamma di dritte, è fondamentale ricordare l’importanza della forma del cerchio, considerata perfetta. Alla luce di questo aspetto, si consiglia di scegliere un tavolo tondo. I tavoli quadrati o con spigoli, infatti, non permettono alle energie di fluire nel modo giusto. In cucina, secondo il Feng Shui, dovrebbe essere messa in primo piano l’essenzialità. Un eccessivo affollamento di mobili o altri elementi, infatti, rappresenta un fattore limitante per lo scorrere delle energie. Da sottolineare è anche l’influenza positiva che possono avere piante e fiori, elementi che richiamano la natura nelle sue espressioni principali. Posizionarli in cucina, quindi, è solo consigliato dagli esperti di Feng Shui!

Una doverosa parentesi, che ci interessa molto visto che chiama in causa direttamente il mondo delle ristrutturazione, riguarda la posizione della cucina (intesa come mobile) nella stanza. Secondo il Feng Shui, questo elemento dovrebbe essere collocato a sud-ovest o a nord-est. Il banco dedicato alla preparazione dei cibi, invece, deve essere posizionato a est. Per quanto riguarda la stanza in sé, ricordiamo che dovrebbe essere collocata lontano dall’ingresso della casa o dal centro. Secondo il Feng Shui, entrare in una casa passando dalla cucina può causare dei problemi di peso e di cattivo rapporto con il cibo.

feng shui

Come arredare il bagno seguendo le regole del Feng Shui

Cambiamo ora ambiente ed entriamo nella stanza da bagno. I consigli per arredarla secondo le regole del Feng Shui partono dalla centralità dell’acqua. Questo elemento è infatti fondamentale, in quanto fonte di vita e di energia. Alla luce di questo aspetto, è necessario improntare i colori del bagno su tonalità come il blu, l’azzurro e tutte le loro sfumature. Consigliato è anche l’utilizzo del verde. Andrebbe invece evitato il ricorso al rosso. Lo stesso vale per gli altri colori accesi, che richiamano il concetto del fuoco.

Passiamo ora ai consigli relativi alla scelta dei mobili. La prima cosa da ricordare al proposito e che le loro forme devono ricordare proprio il movimento dell’acqua. Per questo motivo, devono essere il più possibile sinuose e ondulate, prive di spigoli vivi. Come per le altre stanze della casa, anche nel caso del bagno bisogna dire qualcosa sulla collocazione ottimale dell’ambiente, ovviamente secondo il Feng Shui. Le indicazioni al proposito sono chiare: il bagno dovrebbe essere collocato verso nord. In generale, si suggerisce di posizionarlo lontano dalla cucina. In questo modo, si evita un conflitto con una zona direttamente collegata al concetto di fuoco.

Per quel che concerne la disposizione dei mobili, è da gestire tenendo conto della diffusione della luce naturale, che deve essere massima e irradiare completamente la stanza. Rimanendo nell’ambito dei consigli per arredare il bagno secondo le regole del Feng Shui, parliamo dei complementi d’arredo e, in particolare, dello specchio. Secondo l’antica arte cinese, questo elemento rappresenta un’importante fonte di energia. Bisogna però considerare una limitazione. Quale di preciso? Il fatto che due specchi non possono, in alcun modo, essere posizionati uno di fronte all’altro. Via libera, invece, ai quadri e alle foto che richiamano panorami naturali. Appendendoli nella stanza da bagno, è possibile rilassarsi e godere di momenti meravigliosi in una stanza che nasce proprio con l’obiettivo di “staccare” dal mondo esterno.

feng shui bagno

Feng Shui per il giardino

Parlare in maniera approfondita del giardino Feng Shui è molto importante. La prima cosa da ricordare al proposito è che si tratta di una situazione diversa rispetto a quella del giardino zen. Per essere più precisi bisognerebbe anzi dire che non esiste un giardino Feng Shui nel vero senso della parola. In linea di massima, questo spazio esterno funge da supporto all’abitazione. Non è possibile separare i due ambiti. Il primo consiglio da ricordare quando ci si concentra sullo spazio esterno è che, se il giardino è molto grande, si possono creare delle piccole aree dedicate alla sosta e al riposo. Spazio quindi a panchine e tavolini. Ah, ovviamente si parla di soluzioni che, nella maggior parte dei casi, richiedono investimenti abbastanza onerosi.

Detto questo ricordiamo che, in linea di massima, l’impostazione del giardino deve essere la stessa seguita per la casa. La prima cosa da considerare, quindi, è l’orientamento dell’abitazione. Il retro, conosciuto anche come zona della tartaruga nera dagli esperti di Feng Shui, dovrebbe essere caratterizzato dalla presenza, di fronte, di alberi particolarmente imponenti. Ricordiamo anche che si tratta di una zona molto riservata. Per questo motivo, è consigliabile proteggerla in qualche modo, per esempio con delle siepi.

Diverso è il discorso relativo alla cosiddetta area della fenice rossa, ossia la facciata della casa. In tale frangente, è consigliabile lasciare una visuale più aperta. La scelta migliore è quella di adibire l’area antistante a prato o piantare qualcosa che non raggiunga altezze eccessive. Fondamentale, sempre secondo le regole del Feng Shui, è integrare tutto questo con dei cancelli e fare in modo che ci siano dei percorsi facilmente identificabili.

Risulta particolarmente importante la definizione del percorso che, dal cancello d’ingresso, porta fino alla porta di casa. Proseguendo nell’analisi degli elementi fondamentali di un giardino aderente alle regole del Feng Shui, facciamo un piccolo esercizio di immaginazione. Pensiamo per un secondo di essere al posto dell’abitazione e di avere il retro alle spalle e la facciata di fronte. Da questo punto di partenza si possono individuare due aree. La prima, posta sulla sinistra, è conosciuta come area del drago verde. La seconda, situata invece sulla destra, è la cosiddetta area della tigre bianca.

Le regole del Feng Shui prevedono per l’area del drago verde un’assoluta pulizia. Per arredare il giardino è consigliabile introdurre pochi elementi molto essenziali, possibilmente caratterizzati da una posizione eretta. Molto efficace in questa zona dello spazio esterno della casa è l’apposizione di piante caratterizzate da una fioritura precoce. Parliamo ora dell’area della tigre bianca. Cosa si può dire in merito? Che, in questo caso, è consigliabile piantare arbusti o alberi più bassi. Ottime sono anche le aiuole.

Perché rivogersi a un esperto per arredare la casa secondo le regole del Feng Shui

Arredare la casa secondo le regole del Feng Shui non è banale. SI può anche non credere a questi consigli che molto hanno a che fare con la spiritualità, questo nessuno lo vieta. Una cosa però è certa: se i luoghi dove viviamo sono belli, curati e studiati nel dettaglio, è molto facile che anche la quotidianità sia all’insegna della serenità. Per raggiungere risultati ottimali da questo punto di vista bisogna rivolgersi a un esperto o, meglio ancora, a un team di esperti.

Renovation House: un team scelto per ristrutturazioni perfette a Milano

La casa è il luogo dove cresciamo, dove coltiviamo le nostre passioni e che scegliamo per coltivare gli affetti più importanti. Questo dovrebbe bastare a capire che non basta una sola persona per un lavoro ottimale. Bisogna infatti rivolgersi a un team, per sfruttare al massimo il mix tra diverse professionalità (architetto, interior designer, esperto di Feng Shui in questo caso ecc.). Il nostro servizio Renovation House, da anni punto di riferimento per le ristrutturazioni d’interni a Milano, mette a disposizione tutto questo. Scegliendo la nostra realtà, avrai modo di iniziare il percorso di ristrutturazione con la sicurezza di un servizio ottimale. Ti assegneremo infatti un Project Manager, grazie al quale potrai definire nel migliore dei modi la progressione dei lavori ed effettuare dei sopralluoghi di controllo per vedere se tutto va bene. Inoltre, alla fine dei lavori, rimarremo a tua disposizione per mettere a punto quei dettagli con cui si ha sempre a che fare alla fine di cambiamenti importanti in casa (lavoretti, piccoli guasti ecc.).

renovation house milano perone

Renovation House è il servizio di ristrutturazioni chiavi in mano a Milano che ti accompagna nella ristrutturazione edilizia di casa dalla A alla Z. Scopri di più sulla nostra pagina dedicata!

Contattaci ora senza impegno per parlarci di quello che vorresti per la tua casa. Ti risponderemo appena possibile, ti spiegheremo come funziona Renovation House e in che modo ci impegniamo per offrire ogni giorno il massimo a chi cerca soluzioni per ristrutturazioni a Milano e non vuole lasciare nulla al caso!