Sughero: sostenibilità in primo piano a casa e in ufficio

Il sughero è sempre stato un materiale molto versatile e facile da lavorare. Viene tuttora estratto dalla omonima quercia per realizzare pannellature e rivestimenti per l’edilizia in grado di assicurare a qualunque ambiente il massimo dell’isolamento termico e acustico.

Inoltre, le recenti tendenze di design d’interni vedono la posa di lastre di sughero per una pavimentazione ecologica, economica e al tempo stesso naturale, in grado con le sue venature di donare un calore molto simile alla posa dei pavimenti in legno, ma col vantaggio di avere maggiori caratteristiche isolanti.

Il tutto sempre nel pieno rispetto dei criteri di sostenibilità e di ecocompatibilità che caratterizzano i prodotti dell’edilizia moderna.

Ma andiamo a conoscere nel dettaglio le proprietà di questo vegetale e i numerosi impieghi nell’ambito costruttivo.

sughero

Un prodotto flessibile ed elastico ricavato da una pianta mediterranea

La quercia da sughero è una delle specie arboree che compongono la cosiddetta macchia mediterranea, ossia la vegetazione che è presente anche nel nostro paese, e in particolar modo in Sardegna, dove questa pianta prospera in abbondanza e dalla quale si ricava mediante incisione la corteccia grezza da lavorare.

Tra le tante virtù del sughero notiamo subito la sua estrema elasticità e flessibilità, oltre che quella tipica leggerezza che lo rendeva perfetto per creare le piccole imbarcazioni per far giocare i più piccoli.

Tali virtù sono dovute al fatto che a comporre lo strato della corteccia del sughero vi sono numerose cellule, che al momento della loro morte sono sostituite dall’aria, andando a creare quei piccoli micro-fori caratteristici di questo materiale.

Elevata traspirabilità per un microclima ottimale all’interno di casa

Di qui il suo utilizzo nell’ambito dell’isolamento edilizio, poiché la sua traspirabilità è dovuta proprio alla presenza di questi forellini.

Il sughero inoltre è dotato di un’elevata resistenza al fuoco e di caratteristiche impermeabili e igroscopiche; in altre parole non fa passare l’acqua allo stato liquido, ma al contempo assorbe le goccioline d’umidità superficiale, lasciando penetrare il vapore acque negli strati più interni e regolando così il microclima delle stanze in modo naturale durante tutte le stagioni dell’anno.

Un prodotto biocompatibile e interamente riciclabile

Dal punto di vista della sostenibilità ambientale poi il sughero è completamente atossico, nonché riciclabile al 100% e privo di prodotti nocivi per la salute dell’ambiente: una ragione in più per approfittare delle sue caratteristiche di isolamento rispetto ad altre alternative di origine sintetica o chimica.

Come si può utilizzare il sughero per isolare gli ambienti di casa?

Venendo invece ad analizzare il suo utilizzo pratico nell’ambito edilizio, il sughero è normalmente disponibile in pannelli di vario spessore e dimensioni, utili per essere posati in intercapedini murarie, all’esterno delle pareti per poi essere intonacati, oppure ancora posati mediante collanti o chiodi negli strati interni delle coperture, andando a costituire un isolante termico del tutto naturale.

Questo in virtù del suo elevato coefficiente di isolamento termico λ pari a 0,040 Watt per metro Kelvin (W/mK), con una densità media pari a 120 kg/m3.

In commercio poi esistono apposite lastre di sughero per fungere da base per la posa del cappotto termico esterno, in modo da implementare ancora di più l’efficacia di quest’ultimo.

Il sughero in pannelli inoltre può essere posato sopra il massetto del solaio prima di stendere la pavimentazione, in modo tale da assorbire l’umidità di risalita e garantire la temperatura ottimale all’interno delle stanze domestiche.

La sua morbidezza poi attutisce i rumori da calpestio ed evita la trasmissione dei rumori da un ambiente all’altro, favorendo anche la camminata a piedi scalzi dei bambini, che in casa spesso preferiscono giocare liberi e senza vincoli ai piedi.

Ma pannelli non sono l’unico prodotto isolante a base di sughero disponibile in commercio: infatti è possibile impiegarlo anche in forma di granuli, da insufflare con un apposito compressore nelle intercapedini di controsoffitti, tetti e pareti, allo scopo di implementare l’efficienza energetica degli edifici.

Questa soluzione prevede che il sughero sia mescolato ad alcuni leganti naturali, al fine di aderire bene nelle intercapedini e svolgere al meglio la sua funzione isolante.

Per assorbire i rumori provenienti dall’esterno

Come abbiamo già avuto modo di vedere il sughero è dotato anche di caratteristiche fonoassorbenti: infatti il suo coefficiente di assorbimento acustico – compreso tra i 25 e i 35 decibel a una frequenza media pari a 500Hz – lo rende l’ideale per rivestire le pareti di sale prova e locali in cui si suona musica dal vivo, in modo tale da bloccare la diffusione delle onde sonore negli edifici confinanti, rispettando i parametri di emissione di legge.

Per la stessa ragione installarlo in casa significa ridurre la presenza di rumori provenienti sia dall’esterno, sia dalle abitazioni dei vicini, specialmente in quei condomini in cui le pareti divisorie sono sempre più sottili, regalandovi in questo modo la giusta privacy all’interno delle vostre mura domestiche.

Gli intonaci a base di sughero: una novità per proteggere le vostre pareti

Una novità all’interno dei prodotti edilizi è rappresentata dagli intonaci premiscelati termoisolanti a base di sughero, i quali garantiscono la protezione della parete dall’azione di umidità, agenti atmosferici e dall’usura, ma al contempo assicurano un perfetto isolamento termoacustico, senza dove necessariamente installare pannelli o mettere in cantiere opere murarie per la posa del sughero isolante.

La base di questo intonaco è una miscela di sughero, argilla e polveri diatomeiche – vale a dire residui derivati dalla fossilizzazione di esseri unicellulari e microscopici, detti diatomee, i quali tengono lontano gli insetti in modo naturale – con l’aggiunta di calce idraulica come legante.

Basta semplicemente stendere questa mistura sulle pareti grezze e procedere alla loro tinteggiatura una volta asciugato l’intonaco, per avere immediatamente a disposizione le proprietà fonoassorbenti e termoisolanti del sughero.

Inoltre anche questo prodotto è assolutamente biocompatibile e atossico, in quanto non prevede l’impiego di alcuna resina chimica o di materiali plastici.

renovation house

Se  vuoi scoprire come sfruttarne al meglio le proprietà e le peculiarità estetiche, contattaci per sapere se Renovation House, il nostro servizio di ristrutturazioni chiavi in mano a Milano, può fare per te!